Coronavirus

Di fronte all’epidemia di coronavirus Covid-19, il governo francese ha adottato misure restrittive chiudendo i suoi confini all’ingresso di cittadini di altri paesi e sospendendo di fatto Schengen, ciò al fine di ritardare il più possibile la diffusione del virus nel suo territorio. Fino ad ora, l’ingresso dall’estero verso la Francia era autorizzato solo per determinate situazioni e per poche attività professionali, quali lavoratori transfrontalieri e vettori.

Oggi, il Ministero degli Interni francese ha annunciato una nuova eccezione: l’ingresso di personale distaccato in Francia come parte di un servizio internazionale e per attività che non può essere rinviata se si proviene dallo spazio economico europeo.

I dipendenti devono possedere un eccezionale certificato di viaggio internazionale, che può essere scaricato dal sito web del Ministero dell’Interno.

Nel caso in cui i lavoratori distaccati debbano spostarsi nel territorio francese, in luogo distante oltre i 100 km dal sito ove v’è l’alloggio, deve essere rilasciato un altro certificato di spostamento.

Ovviamente, le misure temporanee causate dal coronavirus non esentano le aziende dal rispettare gli altri requisiti legali richiesti dalla normativa francese in materia distacco intracomunitario, come la nomina di un rappresentante o una notifica prima di viaggiare in SIPSI.

Se hai domande o hai bisogno di ulteriori informazioni, ti preghiamo di contattarci qui.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.