lavoratori distaccati

A partire dal prossimo 30 luglio arrivano importanti cambiamenti nella mobilità internazionale sul lavoro con l’arrivo della nuova direttiva sui lavoratori distaccati.

La nuova direttiva modificherà principalmente quattro punti che spiegheremo di seguito.

La durata dei distacchi sarà limitata a 12 mesi

Innanzitutto, la durata massima del distacco sarà limitata all’accumulo di distacchi di diversi lavoratori per lo stesso posto di lavoro.

In questo modo, i lavoratori distaccati per sostituire altri già distaccati in Francia per la stessa posizione non possono superare i dodici mesi.

Variazioni del salario minimo per i lavoratori distaccati

D’altro canto, detto regolamento stabilisce anche che i lavoratori distaccati devono essere pagati come se un lavoratore francese fosse pagato in una posizione equivalente.

Di conseguenza, il salario minimo francese SMIC non sarà più applicato in relazione ai distacchi come si è fatto finora.

Ad esempio, secondo il contratto collettivo francese BTP, il salario minimo lordo annuale, che varia in base alla regione e alle funzioni lavorative assunte, è fissato tra i 19.853 e i 29.956 euro circa annui.

Poiché i salari minimi cambiano per regione, per lavoro e per Contratto collettivo, non è possibile offrire tutti i limiti in modo esaustivo.

Vi preghiamo di contattarci per scoprire i salari minimi previsti in ciascun caso.

Viaggi professionali o viaggi d’affari

I lavoratori temporaneamente inviati a lavorare in un altro Stato membro, ma che non forniscono servizi nello stesso, non saranno considerati lavoratori distaccati.

È questo il caso dei lavoratori che effettuano viaggi professionali (senza prestazione di servizi) per partecipare a riunioni, corsi di formazione, conferenze e fiere.

Di conseguenza, la direttiva sul distacco dei lavoratori non sarà loro applicabile e, pertanto, saranno esenti da requisiti amministrativi e misure di controllo.

Nuove sanzioni amministrative in caso di inadempimento

Infine, questo nuovo regolamento fissa nuove sanzioni che consentiranno all’ispezione di condannare la società a:

  • Non ottenere alcun tipo di aiuto pubblico.
  • Chiusura dell’azienda.
  • La sospensione dell’attività della società nel luogo di lavoro in cui è stata commessa l’infrazione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.